Articoli

Che cos'è la psicologia comportamentale?

Che cos'è la psicologia comportamentale?

comportamentismo

Psicologia comportamentale, nota anche come psicologia comportamentale, è una teoria dell'apprendimento basata sull'idea che tutti i comportamenti vengono acquisiti attraverso l'interazione dell'individuo con l'ambiente. I comportamentisti ritengono che le nostre risposte agli stimoli ambientali modellino le nostre azioni.

Secondo questa scuola di pensiero, il comportamento può essere studiato in modo sistematico e osservabile, indipendentemente dagli stati mentali interni.

I rigorosi comportamentisti credono che ogni persona possa essere addestrata a svolgere qualsiasi compito, indipendentemente dal background genetico, dai tratti di personalità e dai pensieri interni (entro i limiti delle proprie capacità fisiche). È richiesto solo il corretto condizionamento.

contenuto

  • 1 Breve storia del comportamentismo
  • 2 Condizionamento classico
  • 3 Condizionamento operativo (condizionamento strumentale)
  • 4 Pensatori influenzati dalla psicologia comportamentale
  • 5 punti di forza del comportamentismo
  • 6 Punti deboli del comportamentismo
  • 7 Psicologia comportamentale in relazione ad altre prospettive

Breve storia del comportamentismo

Il comportamentismo è emerso per la prima volta nel 1913 dalla mano di John Broadus Watson, considerato il "padre" del comportamentismo, grazie al suo articolo "Come la psicologia vede un comportamentista". Una delle sue citazioni più famose è:

"Dammi una dozzina di bambini sani e ben addestrati, per educarli, e prometto di sceglierne uno a caso e addestrarlo per diventare uno specialista di qualsiasi tipo che possa scegliere: medico, avvocato, artista, uomo d'affari e, sì, perfino mendicante o ladro - indipendentemente dal suo talento, dalle sue inclinazioni, tendenze, attitudini, vocazioni e razza dei suoi antenati. "

In poche parole, i comportamentisti più radicali credono che tutti i comportamenti siano il risultato dell'esperienza.

Secondo questa teoria, chiunque, indipendentemente dallo sfondo, può essere addestrato ad agire in un certo modo, con l'aiuto del condizionamento comportamentale.

Da circa 1920 a metà degli anni '50, il comportamentismo divenne la scuola di pensiero dominante in psicologia. Alcuni suggeriscono che la popolarità di la psicologia comportamentale è dovuta al desiderio di stabilire la psicologia come scienza oggettiva e misurabile. I ricercatori erano interessati a creare teorie che potessero essere chiaramente descritte e misurate empiricamente, ma anche con l'intenzione di stabilire le basi su come influenzare il comportamento umano.

Ci sono due principali tipi di condizionamento:

Condizionamento classico

Il condizionamento classico consiste nell'associare uno stimolo precedentemente neutro (come il suono di una campana) con una risposta incondizionata (salivare quando si sente l'odore del cibo).

Nel famoso esperimento di Ivan Pavlov, uno stimolo incondizionato come il rumore di una campana, attivava automaticamente la salivazione nella bocca dei cani in risposta al cibo dopo aver associato questo stimolo neutro all'arrivo del cibo (risposta incondizionata). Dopo aver creato questa associazione, il suono della campana diventa uno stimolo condizionato e la salivazione in risposta alla campana è nota come risposta condizionata.

I. Pavlov: condizionamento classico

Caratteristiche che lo differenziano dal condizionamento operativo

  • È stato descritto per la prima volta da Ivan PavlovFisiologo russo
  • Consiste nel mettere un segnale neutro prima di una riflessione
  • Si concentra su riflessi involontari e comportamenti automatici

Condizionamento operativo (condizionamento strumentale)

Il condizionamento operante si concentra sull'uso del rinforzo o della punizione per aumentare o diminuire il comportamento. Attraverso questo processo, si forma un'associazione tra il comportamento e le conseguenze di quel comportamento.

Ad esempio, immaginiamo che un allenatore stia cercando di insegnare a un cane a cercare una palla. Quando il cane riesce a prendere la palla, il cane riceve lode come ricompensa. Quando l'animale non riesce a recuperare la palla, l'allenatore non gli dice nulla. Nel tempo, il cane forma un'associazione tra il suo comportamento di andare a prendere la palla e ricevere la ricompensa desiderata.

Caratteristiche che lo differenziano dal condizionamento classico

  • È stato descritto per la prima volta da BF Skinner, uno psicologo americano
  • Consiste nell'applicazione di rinforzo o punizione dopo un comportamento
  • Si concentra sul rafforzamento o sull'indebolimento dei comportamenti volontari

Pensatori influenzati dalla psicologia comportamentale

Oltre a quelli già citati, ci sono un certo numero di teorici e psicologi leader sui quali la psicologia comportamentale ha lasciato un segno indelebile. Tra questi ci sono Edward Thorndike, psicologa pioniera nello sviluppo di test psicologicie Scafo di Clark, che ha proposto la teoria dell'unità di apprendimento e ha dimostrato che le sue teorie potevano prevedere e controllare il comportamento.

Punti di forza del comportamentismo

Il comportamentismo si basa su comportamenti osservabili, che a volte è più facile quantificare e raccogliere dati quando viene condotta un'indagine.

Questo approccio è spesso molto utile per cambiare comportamenti disadattivi o dannosi, sia nei bambini che negli adulti.

Esistono numerose tecniche terapeutiche efficaci, come intervento comportamentale intensivo, analisi comportamentale o economia dei token, tra le altre.

Debolezze del comportamentismo

Molti critici sostengono che il comportamentismo lo sia un approccio unidimensionale alla comprensione del comportamento umano. Suggeriscono che le teorie comportamentali non tengono conto del libero arbitrio o delle influenze interne, come stati d'animo, pensieri e sentimenti. Inoltre, non spiega come vengono generati altri tipi di apprendimento che si verificano senza l'uso di rinforzo e punizione. D'altra parte, le persone e gli animali possono adattare il loro comportamento quando vengono introdotte nuove informazioni, anche se quel comportamento è stato stabilito attraverso il rafforzamento.

Psicologia comportamentale in relazione ad altre prospettive

Uno dei principali vantaggi del comportamentismo è che ha permesso ai ricercatori di studiare il comportamento osservabile in modo scientifico e sistematico. Tuttavia, molti pensatori affermano che non ha mancato alcune importanti influenze comportamentali. a FreudAd esempio, il comportamentismo non è riuscito a ignorare i pensieri della mente inconscia, nonché i sentimenti e i desideri che influenzano le azioni delle persone. Altri pensatori, come Carl Rogers e altri psicologi umanistiCredevano che il comportamentismo fosse troppo rigido e limitato, non considerando l'importanza delle azioni personali.